Affittare a medio e lungo termine nella città di Milano

img
Gli affitti oltre i 30 giorni sono sempre più richiesti su Airbnb, anche a Milano. Li cercano liberi professionisti in trasferta, studenti e ricercatori, nomadi digitali, lavoratori e lavoratrici in smart working, famiglie in città per ragioni mediche, o chi vuole sperimentare come si vive in un quartiere prima di venirci ad abitare in pianta stabile. Il trend è cominciato nel 2019 e si è consolidato nel 2021.

Per aiutare gli e le host a gestire gli affitti di questo tipo abbiamo introdotto alcune migliorie sulla piattaforma e abbiamo avviato nella primavera del 2021 una collaborazione con il Comune di Milano per promuovere la locazione a canone concordato e gli incentivi per proprietari e inquilini.

I contratti

Se hai scelto lo strumento della locazione, puoi prendere spunto dai modelli di contratto di locazione transitoria a canone concordato scaricabili qui di seguito che potranno essere utilizzati per facilitare gli adempimenti relativi agli affitti a medio e lungo termine. Ti consigliamo sempre di fare delle ricerche o di rivolgerti a un consulente legale per ottenere informazioni più specifiche in base alle tue particolari circostanze.
Per maggiori informazioni su come ospitare responsabilmente visita le nostre pagine dedicate.

Ti ricordiamo che per i contratti relativi alla locazione turistica e agli affitti brevi, puoi usare i servizi del nostro partner LexDoIt.

Se vuoi approfondire invece il tema della garanzia danni, offerta da Airbnb, visita questa sezione.
Approfondimento garanzia danni
img

Una possibilità: il canone concordato

Airbnb collabora con il Comune di Milano nella promozione degli affitti a canone concordato per i soggiorni più a lungo termine (contratti per uso transitorio 1-18 mesi o contratti a medio-lungo termine 3+2 anni).

Questo strumento agevola sia i proprietari che gli inquilini offrendo prezzi calmierati per questi ultimi (fissando un valore massimo per ciascuna zona della città) e sostenendo i proprietari di casa attraverso le agevolazioni fiscali nazionali e gli ulteriori incentivi introdotti dal Comune di Milano in collaborazione con l’Agenzia Sociale della Locazione.

3 buoni motivi per scegliere il canone concordato:

  1. La possibilità per i proprietari di beneficiare di agevolazioni fiscali quali ad esempio, la riduzione dell’IMU, la riduzione della base imponibile per l’imposta di registro e la cedolare secca.
  2. L’opportunità di accedere, tramite l’Agenzia Sociale per la Locazione, a una serie di incentivi economici messi a disposizione dal Comune di Milano, quali ad esempio: un contributo una tantum (fino a 2.000€ a contratto), un contributo per ristrutturazioni (fino a 4.000€) e il bando Superaffitto giovani e famiglie.
  3. La disponibilità di un Fondo di garanzia del Comune di Milano a copertura dei mancati pagamenti degli inquilini fino a un importo massimo equivalente a 18 mensilità del canone di locazione.
Scopri tutti i vantaggi del canone concordato
Progetto in collaborazione con il Comune di Milano.
Airbnb collabora con il Comune promuovendo gli strumenti di incentivazione del canone concordato realizzati dall’amministrazione così come previsto dalla Determinazione Dirigenziale n. 6163 del 7.09.2020.
img

I consigli degli host per il lungo termine

Ci sono alcuni accorgimenti utili da considerare quando si punta a questo tipo di affitti. Ne abbiamo raccolti alcuni dai più esperti!
img

“Oggi bisogna essere pronti a soddisfare una esigenza di soggiorni diversa da prima e la flessibilità ci premia”

Antonella, host di Milano

Parte dell’Host Advisory Board di Airbnb e socia fondatrice dell’associazione OspitaMI